Make your own free website on Tripod.com

Università degli Studi di Napoli “Federico II”

Corso di diploma in Edilizia - Indirizzo Costruzione

PROGRAMMA DEL CORSO DI RILIEVO DELL’ARCHITETTURA - A.A. 1997/1998

Docente Dott. Arch. Francesco Maglioccola
  Il crescente interesse verso la conoscenza del patrimonio edilizio connesso sia all'esigenza di prefigurazione delle proposte progettuali che di predisporre interventi finalizzati al suo recupero e valorizzazione, pongono al centro dell'attenzione della cultura scientifica le problematiche connesse alle metodiche ed alla pratica operativa del rilievo dell'architettura. L'analisi dei manufatti architettonici condotta attraverso il rilievo presupponendo, innanzi tutto, l'individuazione delle finalità al quale esso è preposto, per consentire l'ottimizzazione delle fasi di acquisizione dei dati e della loro successiva sistematizzazione, comporta precise scelte di metodo. Il corso di rilievo dell'architettura si prefigge così lo scopo di preparare l'allievo ad affrontare tali scelte.
  1. Analisi del manufatto architettonico: sopralluogo, indagini d'archivio, interpretazione di dati provenienti da altre fonti;
2. Il progetto di rilievo;
3. Procedure e strumenti di rilevamento;
4. Rilevamento diretto e indiretto dei manufatti, lo schizzo, formazione degli eidotipi, prelievo delle quote, verifica della orizzontalità o della verticalità, trilaterazioni, allineamenti, livellazioni, misura degli angoli coordinate cartesiane e polari;
5. Misure con strumentazione elettronica;
6. Uso della fotografia nel rilievo architettonico. Interpretazione metrica della fotografia, nozioni di base per la restituzione prospettica ed il fotoraddrizzamento;
7. Rilievo delle tipologie murarie, sistemi voltati, tetti e solai, pavimentazioni e rivestimenti, bucature ed infissi;
8. Rilievo delle patologie e del degrado delle strutture e dei materiali (lessico NORMAL)
9. Restituzione dei dati del rilievo, procedure informatiche, analitiche, geometriche;
10. Indagine sui principali software utilizzabili per le fasi di prelievo e di restituzione dei dati.
11. Rilievo per la rappresentazione informatica;
12. La verifica dei rilievi. Il corso si articolerà in due cicli, tra loro complementari: un primo in cui, con lezioni teoriche si espliciterà la metodologia di rilevamento, e un secondo che attraverso esercitazioni pratiche sarà volto all'analisi ed alla lettura critica della realtà, rilevata applicando la suddetta metodologia. 1. Baculo Giusti A., Dati e segni per il rilievo dell'architettura, in corso di pubblicazione.
2. Carbonara G., Restauro dei monumenti. Guida agli elaborati grafici, Napoli 1990
3. Docci M. - Maestri D., Il rilevamento architettonico. Storia, metodo e disegno, Editori Laterza, Roma-Bari 1984.
4. Docci M. - Maestri D., Storia del rilevamento architettonico, Editori Laterza, Roma-Bari 1991.
5. - Fondelli M., Trattato di fotogrammetria urbana ed architettonica, Bari 1992